Bonus io Lavoro 2020: come funziona?

Bonus IO LAVORO 2020: come funziona la nuova agevolazione per le imprese?

 

 

Come promesso oggi ritorniamo con il secondo appuntamento della nostra rubrica #bonusassunzioni, per scoprire insieme quali altre agevolazioni le regioni hanno messo a disposizione delle aziende per contenere i costi del personale e favorire l’occupazione.

Oggi parleremo di un’assoluta novità introdotta da Anpal con un decreto del 6 Febbraio 2020  : il Bonus IO LAVORO

Vediamo nel dettaglio come funziona questo bonus, a chi si rivolge e quali sono gli sgravi contributivi previsti per le aziende.

Come funziona ?

Il nuovo bonus IO lavoro è fruibile per le imprese che dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020 assumono disoccupati di:

  • età compresa tra i 16 anni e 24 anni;
  • 25 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi

con le seguenti tipologie di contratto:

Verrà riconosciuto anche nel caso di contratto di lavoro a tempo parziale, così come nel caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto di lavoro a tempo determinato. Ovviamente non sarà richiesto il requisito della disoccupazione.

Requisito fondamentale per accedere al quest’incentivo è che il soggetto beneficiario non abbia avuto rapporti di lavoro con il medesimo datore di lavoro negli ultimi sei mesi.

A CHI SI RIVOLGE il bonus io lavoro?

L’incentivo per le nuove assunzioni spetterà per le imprese ubicate in tutte le Regioni d’Italia. Il decreto ANPAL specifica infatti che il bonus IO Lavoro sarà riconosciuto qualora la sede di lavoro sia ubicata nelle Regioni:

  • “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);
  • “più sviluppate” (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia    Autonoma di Trento, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Umbria, Marche e Lazio);
  • “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna).

QUALI SONO GLI SGRAVI CONTRIBUTIVI PREVISTI?

Gli sgravi contributivi per le imprese saranno pari ai contributi previdenziali a carico delle stesse – ad esclusione di premi e contributi INAIL – dunque sarà riconosciuto per i primi 12 mesi a partire dalla data di assunzione, un importo massimo di 8.060 euro per lavoratore.

Tale importo verrà riparametrato ed applicato su base mensile e, nel caso in cui il contratto di lavoro sia part-time, il massimale previsto sarà proporzionalmente ridotto.

Nota importante di questo incentivo, è che può essere fruito qualora l’assunzione comporti un incremento occupazionale netto, eccetto nei casi in cui il posto o i posti occupati sono resi vacanti a seguito di:

  • dimissioni volontarie
  • invalidità
  • pensionamento per raggiunti limiti d’età
  • riduzione volontaria dell’orario di lavoro
  • licenziamento per giusta causa (e non in seguito a licenziamenti per riduzione del personale)

bonus IO lavoro CUMULABILE con IL bonus assunzioni under 35

La novità è stata disposta dalla rettifica del decreto ANPAL n. 66 del 21 febbraio 2020 nella quale si specifica che Il bonus IO lavoro potrà essere cumulato con l’incentivo per l’assunzione di under 35.

Concludiamo qui il secondo articolo di questa sezione dedicata ai #bonusassunzione.

Vi diamo appuntamento a  settimana prossima per scoprire insieme nuove agevolazioni, nel frattempo se avete domande o volete richiedere il bonus potete scriverci a:

info@politichedelavoro.it oppure chiamare al numero 030/7281632

 

0

Post Correlati